etanomics_header_test.png

Efficienza Energetica Italia

Impianti virtuali contribuiscono alla sicurezza della rete elettrica

[fa icon="calendar"] 19/04/18 19.01 / da Marco Rossi

Marco Rossi

Impianti-Virtuali

Con un progetto pilota Terna apre il mercato MSD (dispacciamento)
Cos’è il dispacciamento? L’energia elettrica non si può immagazzinare (ad esempio nelle batterie e nei combustibili è stoccata energia chimica, nei bacini idrici energia meccanica). Se non si considerano conversioni di energia elettrica sotto forma di altri tipi di energie (con conseguenti inefficienze di trasformazione) “è quindi necessario produrre, istante per istante, la quantità di energia richiesta dall‘insieme dei consumatori (famiglie e aziende) e gestirne la trasmissione in modo che l’offerta e la domanda siano sempre in equilibrio, garantendo così la continuità e la sicurezza della fornitura del servizio.

La gestione di questi flussi di energia sulla rete si chiama dispacciamento. Tale attività, svolta da Terna, richiede il monitoraggio dei flussi elettrici e l’applicazione delle disposizioni necessarie per l’esercizio coordinato degli elementi del sistema, cioè gli impianti di produzione, la rete di trasmissione e i servizi ausiliari”.*

*Dal sito di Terna http://www.terna.it/


Con l’apertura del mercato dei servizi di dispacciamento (MSD) alla domanda elettrica ed alle unità di produzione anche da fonti rinnovabili non ancora abilitate nonché ai sistemi di accumulo (delibera AEEGSI 300/2017/R/eel) possiamo trovarci di fronte ad un passaggio epocale in merito alla modalità di gestione dei flussi energetici.


Questa evoluzione potrà impattare fortemente sulle attività di diversi players del settore
, quali fornitori e distributori di energia, ESCo, progettisti, fornitori di tecnologie; perché?


La costituzione di Unità Virtuali Abilitate di Consumo (UVAC) con potenza massima di controllo almeno pari a 10 MW, anche in forma disaggregata - ovvero più siti connessi tra loro attraverso un concentratore in grado di inviare informazioni e ricevere comandi da TERNA - apre nuovi campi da gioco, nettamente più ampi rispetto a quelli già oggi esistenti. Oggi infatti la possibilità di partecipazione al servizio di dispacciamento è limitata all’adesione al servizio di interrompibilità. 

dispacciamento-terna1

Immagine di “Terna” 


La possibilità di costituire delle UVAC comprendenti più UC (unità di consumo) che potranno variare il proprio prelievo da rete (limitando i consumi ovvero attivando sistemi di generazione) sotto remunerazione e a strette condizioni tecniche dettate da Terna andrà a dare una nuova interpretazione a concetti quali: generazione distribuita, sistemi di accumulo e smart grid.

Fino ad oggi abbiamo interpretato unità di consumo e generazione come entità tra loro nettamente separate da una parte, dall’altra la rete come un bacino infinito in grado di erogare o ricevere energia a seconda delle esigenze. Le UVAC saranno organismi energetici in grado di gestire la propria interfaccia con la rete e – a fronte di una remunerazione – supportarla (diminuendo il proprio prelievo) nei momenti di bisogno.


Vuoi saperne di più? Contatta un EGE di Etanomics

Consulenza Esperto Gestione Energia

Categorie: Efficientamento Energetico

Marco Rossi

Written by Marco Rossi

Ingegnere, EGE, CMVP® da 15 anni studia e propone soluzioni atte al raggiungimento di un efficientamento energetico diffuso. In Etanomics Italia negli ultimi tre anni si è occupato in prima persona e come supervisore di circa 100 diagnosi energetiche ai sensi del DL 102/2014, ISO 50001, elettrificazione della mobilità e flexibility audit.

guida
anal

Iscriviti al nostro blog

Articoli recenti