etanomics_header_test.png

Efficienza Energetica Italia

L’audit energetico aiuta a ridurre i costi aziendali

[fa icon="calendar"] 16/05/17 14.55 / da Ing. Alessandro Arrigoni Battaia

Ing. Alessandro Arrigoni Battaia

piu-risparmio_meno-costi

L’audit energetico non è altro che un’analisi approfondita della realtà aziendale o della struttura presa in esame. Perché sempre più aziende la richiedono? La risposta è molto semplice, grazie all’analisi è possibile definire quali sono i punti deboli da arginare per aumentare l’efficienza energetica dell’azienda o struttura. Molte aziende pensano che per risparmiare basti chiudere un buon contratto con il fornitore di energia, precludendosi numerose opportunità di efficientamento e quindi di risparmio maggiore.

Le imprese che sono obbligate ad effettuare l’audit energetico, pena sanzioni tra i 4.000 e i 40.000 euro, sono:

  • Le grandi imprese con più di 250 dipendenti e con fatturato annuo superiore ai 50 milioni e un bilancio annuo superiore ai 43 milioni, ripetuto per due esercizi consecutivi.

  • Le imprese energivore che consumano in 1 anno quota 2,4 GWh di energia elettrica, le cui spese rappresentano più del 3% del fatturato.

Nonostante non ci sia l’obbligo per le realtà di medie-piccole dimensioni sempre più strutture e PMI richiedono l’audit energetico per efficientare la propria azienda perché sono consapevoli che un intervento di efficientamento possa nel tempo trasformarsi in una grande opportunità di risparmio.

L’analisi dettagliata dei consumi energetici consente di guadagnare consapevolezza su aspetti molto spesso trascurati, che invece risultano determinanti nei bilanci aziendali: consumare meno, ma anche consumare meglio.

Per quanto riguarda la spesa elettrica, dall’analisi ENEA è emerso che le imprese più attente all’efficientamento energetico, possono risparmiare dal 5 al 15% sulla bolletta elettrica.

Le percentuali di risparmio per le aziende/strutture che richiedono un audit energetico vengono definite dopo una serie di step definite a monte dal Ministero dello Sviluppo Economico e da ENEA. Gli ingegneri accreditati EGE devono produrre un documento completo che rispetti i seguenti punti:

  • Analisi dei Consumi; in primis raccolta delle bollette per analizzare lo storico delle spese energetiche. Analisi sulle letture al quarto d’ora dei contatori. Se possibile, campagne di misura sulle utenze più energivore

  • Analisi degli Impianti e dei Processi; censimento degli impianti e dei processi produttivi suddivisi per reparti e locali aziendali

  • Risultati; dai dati raccolti viene definito l’indice di prestazione energetica obiettivo

  • Progetto d’intervento; individuato il margine di efficienza energetica, vengono indicati gli interventi da realizzare

La parte più interessante e di immediata comprensione dell’audit è sicuramente quella finale in cui è inserita una tabella di sintesi degli interventi migliorativi proposti, con la percentuale inserita vicino ad ogni tipologia d’intervento.

Di seguito abbiamo riportato alcune percentuali di risparmio calcolate ottenute, e misurate successivamente, su interventi effettuati presso realtà industriali riguardanti diversi settori (i dati di risparmio di energia primaria si riferiscono ai consumi totali dell’azienda).

risparmio-ottenuto-settore

Per aiutarti a verificare che i consumi della tua azienda/struttura rientrino nella media di settore, abbiamo creato un tool per l’analisi dei KPI in grado di dirti, grazie all’inserimento del tipo di attività, ai consumi energetici annui e alle performance di acquisto dell’energia, se la tua azienda è da semaforo rosso.

Richiedi subito l’analisi gratuita, riceverai il documento di riepilogo in formato pdf via mail, non perdere questa occasione.

Analisi KPI

Categorie: Audit Energetico

Ing. Alessandro Arrigoni Battaia

Written by Ing. Alessandro Arrigoni Battaia

Ingegnere laureato nel 2015, da circa due anni lavora come Energy Consultant presso Etanomics Italia Srl in stretta collaborazione con i maggiori player nel mondo dell’energia: Energy & Utilities e fornitori di tecnologie. All’attivo numerose diagnosi energetiche ai sensi del DL 102/2014 e studi di fattibilità a supporto di ingegneri senior.

guida
anal

Iscriviti al nostro blog

Articoli recenti